Suggerimenti
 
 
Giovani
Conto corrente
Mutui e Prestiti
Gestione del Risparmio
Carte di Credito
Assicurazioni
Previdenza
Altri Prodotti
 



GUIDA AI CONTI CORRENTI

CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI
Struttura e funzione economica

Il conto corrente è un contratto con il quale la banca svolge un servizio di cassa per conto del cliente, custodendone il denaro e mantenendolo nella disponibilità dello stesso. Il cliente può effettuare versamenti di contante e/o di assegni, ricevere bonifici e bancogiri, nonché effettuare prelevamenti, trarre assegni e disporre pagamenti per utenze varie, bonifici e bancogiri, nei limiti del saldo disponibile. Le relative operazioni sono registrate anche al fine del periodico invio dell’estratto conto.
Gli assegni bancari emessi per importi superiori a euro 12.500,00 devono indicare la clausola “non trasferibile”.
Sul conto corrente possono essere regolate anche altre operazioni bancarie, quali ad esempio, i depositi, le aperture di credito, i mutui, le carte di credito e di debito, gli incassi ed i pagamenti. Per queste operazioni si rinvia ai relativi fogli informativi.

Servizi offerti dalla Banca e collegati al rapporto di c/c
Al conto corrente bancario sono collegati i seguenti servizi offerti dalla Banca:
pagamento assegni bancari – pagamento delle utenze – pagamento deleghe imposte – addebito per utilizzo Pagobancomat e carte di credito – addebito/accredito bonifici – accredito interessi maturati su Titoli di Stato, cedole e titoli azionari, certificati di deposito, obbligazioni – pagamento fatture, ricevute bancarie, effetti commerciali e non – tutti gli altri ordini permanenti di addebito/accredito.

Importo
Il correntista è tenuto ad effettuare i prelievi entro il limite del saldo liquido del conto; in presenza di fido, l’utilizzo è consentito entro l’importo autorizzato.

Durata
Fino al recesso di una delle parti.

Estinzione
Ad ognuna delle parti è sempre riservato il diritto di recedere, in qualsiasi momento. Con la cessazione del rapporto devono essere restituiti:
gli assegni non utilizzati – l’eventuale Carta Pagobancomat – l’eventuale Carta di credito – l’eventuale Viacard – l’eventuale apparecchiatura Telepass.

Liquidazione competenze
Tutti i rapporti vengono chiusi contabilmente alla fine di ogni trimestre solare.

Periodicità invio estratto conto
Di regola trimestrale.

Principali rischi tipici (generici e specifici)
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
- variazioni in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove contrattualmente previsto;

- utilizzo fraudolento da parte di terzi del libretto degli assegni, nel caso di smarrimento e sottrazione, e di eventuali atti dispositivi apparentemente riferibili al cliente; pertanto va osservata la massima attenzione nella custodia del libretto degli assegni e dei relativi moduli di richiesta;

- accredito di assegni e di altri titoli similari al salvo buon fine, con conseguente possibilità di non poter disporre degli importi accreditati sul conto prima della maturazione della disponibilità;

- traenza di assegni bancari che risultino senza provvista al momento della presentazione al pagamento, con conseguente iscrizione nella Centrale d’Allarme Interbancaria, istituita presso la Banca d’Italia, qualora non intervenga il pagamento ai sensi della normativa vigente;

- variabilità del tasso di cambio, qualora il conto corrente sia in valuta estera (ad esempio, dollari USA);

- rischio di controparte. A fronte di questo rischio è prevista una copertura, nei limiti di importo di euro 103.291,38 per ciascun correntista, delle disponibilità risultanti dal conto, per effetto dell’adesione della Banca al sistema di garanzia dei depositi sopra indicato.
LEGENDA DELLE PRINCIPALI NOZIONI DELL’OPERAZIONE
Saldo contabile
Saldo risultante dalla mera somma algebrica delle singole scritture dare/avere in cui sono ricompresi importi non ancora giunti a maturazione.
Saldo disponibile Giacenza sul conto corrente che può essere effettivamente utilizzata.
Commissioni
per l’invio estratto
conto (ogni invio)
Sono le commissioni per l’invio di un estratto conto secondo la periodicità pattuita.
Spese di
liquidazione periodica
Sono le spese per ogni determinazione ordinaria delle competenze, attive e passive (di regola trimestrali); non si cumulano le spese per il conteggio degli interessi debitori e creditori .
Spese singola
operazione
Spese per ogni scrittura.
Spese di estinzione c/c
Sono le spese addebitate all’effettiva risoluzione del rapporto di c/c.
Spese di
documentazione
Spese per invio della corrispondenza e/o di contabili e/o comunicazioni varie.
Tasso creditore/debitore Tasso nominale annuo con la capitalizzazione trimestrale. Il tasso effettivo tiene conto della periodicità trimestrale delle capitalizzazioni.
Commissione massimo
scoperto
Commissione calcolata sul più alto saldo debitore del trimestre per utilizzi avvenuti senza la concessione dei fido.
Valute sui
versamenti
Indica, con riferimento alla data dell’operazione, la decorrenza dei giorni lavorativi utili per il calcolo degli interessi.
Valute sui
prelevamenti
Indica, indipendentemente dalla data di negoziazione, l’effettiva data di addebito per il conteggio dei giorni da imputare al calcolo degli interessi.
Disponibilità su
versamenti di
assegni e delle
somme accreditate
Termini di disponibilità (non stornabilità) – salvo casi di forza maggiore – espressi in giorni lavorativi successivi alla data di negoziazione e/o di lavorazione del versamento.


 
 
  Banca Popolare di Cortona - Via Guelfa, 4 - Cortona (AR)