Suggerimenti
 
 
Giovani
Conto corrente
Mutui e Prestiti
Gestione del Risparmio
Carte di Credito
Assicurazioni
Previdenza
Altri Prodotti
 

 



GUIDA AI CERTIFICATI DI DEPOSITO

CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI
Struttura e funzione economica

Si tratta di operazione mediante la quale la banca acquista la proprietà delle somme depositate dal cliente, obbligandosi a restituirle alla scadenza del termine pattuito.

Il certificato, rilasciato dalla Banca dietro versamento di una somma di denaro, conferisce al possessore legittimo il diritto a riscuotere, alla scadenza, la somma più gli interessi in essa maturati.

Il trasferimento di certificati di deposito al portatore tra soggetti diversi di importo superiore a € 12.500,00 deve avvenire per il tramite di intermediari abilitati che rilasciano idonea documentazione (L. 197/91 e norme di attuazione).

Principali rischi tipici (generici e specifici)
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:

- utilizzo fraudolento da parte di terzi del certificato di deposito, nel caso di smarrimento o sottrazione, con conseguente possibilità di ritiro, alla scadenza, del saldo da persona che appare legittimo titolare del certificato di deposito. Pertanto va osservata attenzione nella custodia del certificato. In caso di smarrimento, furto o distruzione, il depositante può ottenere il duplicato del certificato svolgendo la procedura di ammortamento prevista dalle leggi particolari che regolano la materia. La denuncia di sottrazione o distruzione deve essere di massima presentata presso lo sportello della Banca che ha rilasciato il titolo.

- Rischio di controparte. A fronte di questo rischio non è prevista la copertura delle somme depositate dal cliente, in quanto trattasi di rapporti al portatore, per effetto dell’adesione della banca al sistema di garanzia dei depositi sopra indicato.
LEGENDA DELLE PRINCIPALI NOZIONI DELL’OPERAZIONE
Emissione
I certificati di deposito vengono emessi “al portatore”
Capitalizzazione degli
interessi
Variabile in base alla durata del vincolo
Costo del certificato Commissione per l’ estinzione, duplicazione del certificato di deposito
Maggiorazione su
estinzioni richieste
tramite altra banca
Commissione relativa alla richiesta di estinzione del certificato di deposito pervenuta per il tramite di altre banche
Spese di ammortamento Spese previste per pratica da istruire in caso di furto o smarrimento
Tasso
Tasso nominale annuo (al netto/lordo della ritenuta fiscale); nei certificati a tasso fisso, il tasso applicato rimane invariato per tutta la durata del vincolo
Liquidazione a scadenza I certificati sono pagabili – alla scadenza del vincolo – senza alcun preavviso presso lo sportello della Banca che ha emesso il certificato
Ritenute fiscali Sono a carico del depositante le eventuali tasse e imposte presenti o future che dovessero colpire il certificato che attualmente è sottoposto alla ritenuta alla fonte degli interessi del 27% di cui all’art. 26 del D.P.R. n. 600 del 29.9.1973 e successive modificazioni e integrazioni
Vincolo Le somme depositate sono vincolate per il periodo fissato sul certificato


 
 
  Banca Popolare di Cortona - Via Guelfa, 4 - Cortona (AR)